Creazione di una tecnica non invasiva per castrare le tartarughe terrestri

Tecnica non invasiva per castrare le tartarughe terrestri

Le tartarughe terrestri maschio possono essere molto aggressive con le femmine.Spesso, soprattutto quando vivono confinate all’interno dei nostri giardini, i maschi provocano delle gravi ferite agli arti posteriori ed alla coda.

t1

Queste ferite possono provocare la perdita degli arti e la morte della femmina.

Per questo per anni si sono dovuti tenere separati maschi e femmine.

Inoltre, visto che non c’era un modo per evitare la procreazione delle tartarughe, molti veterinari praticavano l’amputazione del pene.

Per ovviare questi problemi, ho creato una tecnica chirurgica che permettesse di togliere i testicoli nelle tartarughe proprio come si fa nel cane o nel gatto. In questo modo eviteremo barbarie come l’amputazione del pene, ed eviteremo che i maschi aggrediscano e feriscano le femmine.

Esistevano altre tecniche per castrare le tartarughe ma richiedevano l’uso di endoscopi o il taglio del guscio, una procedura molto invasiva. L’innovazione della tecnica consiste nell’essere assolutamente non invasiva e facilmente eseguibile da qualunque veterinario, non necessita strumentazioni particolari ad eccezione di un radiobisturi.

t2

 

Tecnica:

Si incide la pelle davanti l’arto posteriore della tartaruga. Dall’incisione si raggiunge il testicolo. Il testicolo è unito all’epididimo tramite un legamento molto vascolarizzato. Si bruciano i vasi e si taglia il legamento con il radiobisturi. Si tira fuori il testicolo e si ripete tutta la procedura dall’altro lato.

In questo modo in pochi minuti (circa 20 per lato) riusciamo finalmente a castrare le tartarughe.

t3

Questa tecnica cambierà la vita di molte tartarughe che sono costrette a vivere “solitarie” nei nostri giardini e finalmente potranno stare in colonie senza aggressioni.

Questa tecnica sarà presentata al congresso mondiale di medicina degli animali esotici “ExoticsCon” a fine Agosto a Portland, in Oregon, in modo che veterinari di tutto il mondo la possano eseguire.

t4

 

Nicola Di Girolamo
DMV, GPCert(ExAP), MSc (Evidence-Based Health Care), PhD, DiplECZM(Herpetology)
Clinica per Animali Esotici, Roma